Palio de sos Chinaos

Abbiamo deciso di dedicare una intera sezione di questo sito al PALIO DE SOS CHINAOS (Palio dei rioni) , manifestazione nata nel 1991 per volontà della associazione Circolo Ippico Paulese e della Associazione Pro Loco. Dopo una prima edizione fastosa e festosa, per alcuni problemi organizzativi verificatisi nella seconda edizione ci fu una sospensione sino al 2001, anno in cui riprese e proseguì annualmente sino ad oggi.

Il palio è una manifestazione che si basa sul binomio più che mai presente a Paulilatino uomo-cavallo essendo quest'ultimo compagno storico nella vita dei paulesi sotto l'aspetto lavorativo, del divertimento, del relax e in passato anche compagno di battaglie contro gli invasori della nostra isola.

Scopo principale del palio è quello di riscoprire l'antico valore della socializzazione e dell'ospitalità, per far questo gli antichi e numerosi CHINAOS (rioni) del paese sono stati raggruppati in otto principali : Santu Diadoru (San Teodoro) - Santu Trebistianu (San Sebastiano) - Sa Ittiri (La Itria) - Pangulieri/Benalonga - Marzas - Su Ladere - Sa Pirighedda - Josso/Pantaleo, ogni rione viene rappresentato da un fantino e un cavallo, rigorosamente locali. La manifestazione si svolge solitamente l'ultimo sabato di Agosto ma, quando questo cade troppo a ridosso della fine del mese, per non accavallarsi con i festeggiamenti in onore di San Costantino imperatore e per dar la possibilità a emigrati e turisti di poter assistere, si anticipa al penultimo sabato del mese.

I festeggiamenti iniziano ben prima della data in cui si corre il palio in quanto anche i preparativi dello stesso sono momenti di socializzazione e di festa per ogni songolo rione.

LA GARA : Come detto, ogni singolo rione sceglie di essere rappresentato da un fantino e da un cavallo rigorosamente paulesi.

L'ESTRAZIONE : la mattina, verso le ore 12, presso la sala consiliare del Comune ci si riunisce alla presenza del sindaco, del direttivo del Circolo Ippico paulese che è l'organizzatore del palio, dei presidenti e dei fantini dei rioni. Viene presentato ufficialmente il trofeo per il fantino vincitore e il palio, uno stendardo di pregiatissimo valore, realizzato annualmente da un artista locale. Si procede inserendo in un'urna i nomi di tutti i rioni per una successiva estrazione che determinerà la posizione della sfilata che partirà dalla piazza indipendenza (Su Pangulieri) percorrendo il Viale della Libertà per raggiungere la pista del palio realizzata presso l'area degli ex capannoni militari.

LA SFILATA: Tutti i partecipanti dei rioni vestiti con i colori che li rappresentano, con i relativi fantini e cavalli, si incontrano nel primo pomeriggio, solitamente verso le ore 16 in Piazza Indipendenza, Su Pangulieri. Qui inizia la "grande festa", lo speaker annuncia ogni singolo rione che accede al centro della piazza per presentarsi agli spettatori con coreografie e cori mentre gli altri rioni rispondono allegramente con sfottò. Al termine di tutte le presentazioni, davanti alla fontana simbolo del paese, Su Cantaru Mannu, si chiama il rione detentore del palio dell'anno precedente a cui viene consegnato lo stendardo e il trofeo in palio nell'anno corrente e si inizia la sfilata che prevede appunto l'apertura del rione detentore del palio dall'anno precedente con il gonfalone del comune e il gonfalone posto in palio per l'anno in corso, a seguire gli altri "chinaos" in base all'ordine di estrazione.

Giunti al sito di gara verrà fatto un giro d'onore all'interno della pista che servirà quale presentazione anche per i turisti che sono ogni anno più numerosi.

Si procede quindi alla chiamata per la consegna ai fantini dei frustini con i colori sociali di ogni singolo rione quindi viene steso il canapo e si inizia la chiamata per far disporre i fantini e cavalli seguendo l'ordine di estrazione della mattina, partendo dalla posizione più interna della pista.

Terminata la chiamata, e valutata la corretta disposizione, a parere insindacabile del mossiere, viene fatto cadere il canapo e inizia una spettacolare corsa che dura circa tre minuti nella pista lunga 400 metri che deve essere percorsa per tre giri.

Al termine della gara continua la festa popolare con la proclamazione e la premiazione del fantino e del rione vincitore alla quale segue il rientro di tutti i partecipanti ognuno nel proprio rione per festeggiare con la cena sociale, musica e balli che si protarranno per tutta la notte.

Negli ultimi anni parallela alla manifestazione è nata l'iniziativa "Aggiungi un posto al palio" che permette a turisti e visitatori di essere protagonisti della manifestazione insieme al rione con cui scelgono di partecipare sia alla gara che alla cena.



L' ALBO D'ORO DEL PALIO DE SOS CHINAOS


alboOro_paliojpg
alboOro_palio_fantinijpg

prev next
play